Home » Buongiorno Umbria » Buone Vacanze

Buone Vacanze

Taormina: Teatro Greco

Agosto mese di vacanza.

Anch’io ho preso una settimana di ferie, soprattutto di relax. Svuotare la mente da tanti pensieri per riprendere poi , con nuovo vigore, dopo la pausa estiva.

Dovendo viaggiare in aereo ho pensato bene di portarmi un libro. Qualche tempo fa, Micaela , una mia paziente e volontaria Lilt mi aveva regalato “Anti cancro” di David Servan Schreiber un Ricercatore di Neuroscienze che a trentuno anni ha scoperto di avere un cancro.

Il libro è un rivoluzionario piano di prevenzione. Un appassionante viaggio verso una vita più sana che offre una nuova visione della biologia del tumore e lancia un messaggio forte: per lottare contro questa malattia occorre fare appello anche alle nostre difese naturali. Il libro illustra alcuni metodi naturali di cura che contribuiscono a prevenire lo sviluppo dei tumori o a facilitarne il trattamento con approcci convenzionali quali chirurgia, chemioterapia e radioterapia.

Leggendo il libro mi sono tornate in mente le parole del mio Maestro, il Prof. Umberto Veronesi, che tanti anni fa diceva: la tubercolosi non ha più mietuto vittime grazie all’avvento degli antibiotici ma anche per le migliorate condizioni igieniche ed alimentari.

Tutti abbiamo un cancro che dorme nascosto dentro di noi. Come ogni organismo vivente, infatti, il corpo umano fabbrica in continuazione cellule difettose, ed è così che nascono le neoplasie. Il nostro organismo è però dotato anche di vari sistemi che gli consentono di individuarle e contenerle. Sta a noi servircene, e lo dimostra il fatto che culture diverse dalla nostra ci riescono meglio. I tumori più diffusi in Occidente, seno – colon e prostata in Asia sono meno frequenti, ma se si fa l’autopsia degli asiatici morti per cause diverse dal cancro si riscontrano altrettante microlesioni precancerose alla prostata che negli occidentali.

Nel loro stile di vita c’è qualcosa che impedisce al tumore di svilupparsi ?

Per contro, tra i Giapponesi residenti in Occidente l’incidenza delle neoplasie raggiunge livelli pari ai nostri nel giro di una o due generazioni: nel nostro stile di vita c’è allora qualcosa che impedisce all’organismo di difendersi con efficacia dal cancro.

Taluni sono convinti che il tumore sia anzitutto una questione di geni e non di stile di vita, mentre è vero il contrario: se la trasmissione fosse principalmente ereditaria, i bambini adottati mostrerebbero un’incidenza dei tumori pari a quella dei genitori biologici, anziché di quelli adottivi come invece succede.

Ho fatto questo preambolo immaginando che con le vacanze tutto è più tranquillo, meno vorticoso della routine quotidiana e quindi possiamo approfittare per cambiare qualcosa in positivo della nostra esistenza:

-         mangiare sano: riequilibrare la propria alimentazione aumentando frutta e verdura, riducendo gli zuccheri

-         attività fisica: 20 minuti al giorno per 6 giorni/settimana

-         non fumare

-         fare più attenzione al nostro corpo: cogliere i primi campanelli d’allarme quali un neo che cambia colore o    dimensione, un piccolo sanguinamento dall’intestino, la comparsa di un nodulo al seno e rispondere agli inviti degli screening del SSN

-         ridurre lo stress : accogliere le proprie emozioni e lasciare che si dileguino senza aggrapparsi ad esse.

Queste semplici ma importanti regole sono da anni un baluardo della Lilt il cui slogan è “ prevenire è vivere “ e non ci stanchiamo mai di ripeterlo.

Buone vacanze  a tutti

Antonio Rulli

comment closed