TrasiremandoLa Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT) è l’unico Ente Pubblico esistente in Italia con la specifica finalità di combattere il cancro attraverso la prevenzione.
Opera, senza fini di lucro, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e sotto la vigilanza del Ministero della Sanità. Si articola in Comitati Regionali di Coordinamento.
L’impegno della LILT nella lotta contro i tumori si dispiega principalmente su tre fronti:
  • la prevenzione primaria: stili e abitudini di vita;
  • quella secondaria: promozione di una cultura della diagnosi precoce;
  • quella terziaria : attenzione verso il malato, la sua famiglia, la riabilitazione e il reinserimento sociale.
La letteratura scientifica nazionale ed internazionale ha univocamente confermato che sane abitudini alimentari e corretti stili di vita sono un efficace strumento di prevenzione oncologica. Oltre un terzo dei tumori ed altre malattie croniche degenerative, infatti, non si svilupperebbero se riuscissimo a mettere al centro della nostra vita quotidiana una dieta salutare ed equilibrata, eliminando il fumo, riducendo il consumo di alcol, l’esposizione imprudente ai raggi solari e programmando attività fisica.
Corretti stili di vita, unitamente ad azioni di diagnosi precoce, possono portare a guarigione oltre l’80 % delle persone che si ammalano di tumore.
Inoltre  alla Dieta Mediterranea – ricca di frutta fresca, di verdura e povera di grassi – viene riconosciuto il ruolo di “regina della prevenzione” e patrimonio UNESCO.
L’ importanza di una costante attività fisica, infine, è ormai un dato inconfutabile, utile ad allontanare il rischio obesità ed a prevenire molteplici patologie. Alcuni studi attestano che le persone fisicamente attive hanno un’aspettativa di vita superiore di oltre 6 anni rispetto ai cosiddetti sedentari.
Sulla base di ciò la Sezione Provinciale di Perugia, in collaborazione con l’ ASD – Centro Rematori di Passignano, ha dato il via ad un programma di riabilitazione fisica basato sulla preparazione di donne operate per tumore al seno ad avvicinarsi all’attività fisica della canoa.
Il 15 agosto è prevista la messa in acqua del Dragon Boot (canoa a 12 posti) presso il Lago Trasimeno, gentilmente messa a disposizione dalla Famiglia Migliorati di Tuoro.
Scientificamente è dimostrato che la canoa, con il remare contro corrente, sia l’unica terapia per prevenire il linfedema (braccio gonfio) che spesso colpisce la donna operata
E’ facile intuire l’impegno professionale ma anche economico necessari per terminare questo programma.
Prof. Antonio Rulli, Coordinatore Regione Umbria LILT
Perugia li 12 agosto 2015
_______
Guarda la photo gallery di Trasiremando 2015